QUANDO L’AMORE PER L’ARTE DIVENTA PASSIONE.

Presepe

Quale binomio artistico può conciliare estro e creatività?
Nel caso di Santo, amico nonché barbiere di fiducia, tale connubio è possibile sia grazie all’inventiva e all’originalità creativa, che quotidianamente mette a disposizione di tutti nel suo salone da barbiere, che, soprattutto, in ciò che nell’arco di un intero anno, silenziosamente progetta e realizza con amore e passione, e costatabile poi nella sua opera finale: il presepe.
Una motivazione profondamente religiosa e una passione innata infatti, lo portano ogni anno, ma direi col pensiero ogni giorno, alla creazione di un’opera sempre diversa ma che rispetta i canoni fondamentali che la caratterizzano, la semplicità del complesso e la cura dei particolari.
Chi, in questo periodo, volesse vedere di persona l’ultima opera realizzata, insieme a quella di altri maestri artigiani, può farlo visitando direttamente i locali della mostra sita in Corso Umberto n°114/A e aperta dal Lunedì al Sabato dalle 16.30 alle 20.00 e i festivi dalle10.00 alle 12.30 e dalle 16.00 alle 20.30.
Per chi invece volesse conoscere personalmente l’autore dell’opera artistica, per qualsiasi tipo d’informazione, può incontrarlo tutti i giorni presso il salone di via Marchese di Sangiuliano 121. Chiunque di Voi, posso garantirvi sarà gentilmente accolto in un clima di allegria e cordialità.

Mangiatoia

Taglio in progress

Salone

UN VALIDO AIUTO…..PER TUTTI

Majorana Gela

Il mondo “open source” è ormai una realtà per molti; un giorno vorrei poter scrivere che lo sarà per tutti e mi conforta il fatto che qualcosa in effetti si sta muovendo.

Numerosi sono infatti i siti che propongono il doawnload di programmi gratuiti come ad esempio le suite per ufficio Openoffice (la più conosciuta) o altri free/softwares: antivirus, di manutenzione e pulizia, di grafica, ecc.. Ma assai raro è trovare chi, di questo mondo, ne ha fatto un “microcosmo socialmente utile” e di aiuto incondizionato, in cui sono state messe a disposizione di tutti, e ripeto di “Tutti”, le conoscenze informatiche personali, al fine di migliorare quelle altrui e, se possibile, condividerle ed accrescerle.

Mi riferisco in particolar modo al sito scolastico dell’Istituto Tecnico per geometri Majorana di Gela, e in particolar modo al contributo offerto dal suo webmaster, prof Antonio Cantaro, il quale, come spero avrete modo di “scoprire”, ha fornito, col suo sito, il proprio patrimonio culturale alla libera fruizione dei suoi visitatori; innumerevoli e di varia natura sono infatti i suoi consigli: dall’ottimizzazione delle prestazioni del proprio pc alla varietà di programmi “open” offerti dal web (per di più scaricabili dal sito stesso).

Ma la peculiarità di quanto detto finora è offerta principalmente dalla facilità con la quale tutto ciò viene proposto, attraverso cioè una serie di “video guide”, brevi,semplici e di un efficacia non indifferente nella loro visionabilità ed esecuzione finale. Seguendole, il prof. Cantaro guiderà anche l’utente meno esperto verso procedure che diventeranno sempre più intuibili e familiari.

Ci si potrebbe chiedere il “perchè” di tutto questo!? E’ presto detto! Il prof. Cantaro è un “linuxiano”, come me, ed in virtù di ciò, chi il suo intento coincide con il suo modus operandi che è infine anche un modo di essere, insito nel concetto del pensiero “ubuntu” (una delle distribuzioni offerte dai sistemi operativi “open”).

Come detto prima, il prof. Cantaro mette il proprio sapere a disposizione della comunità informatica;“Ubuntu” significa infatti: aiuto reciproco e solidale .

Come avrete modo di osservare nel suo sito “Multi Utility” non c’è nessuna finalità nascosta se non quella, addirittura, di renderci consapevoli dell’enorme abbattimento (in termini monetari e non solo ) dei costi di gestione dei nostri PC attraverso il miglioramento e l’ottimizzazione del nostro lavoro, favorendoci, in termini conoscitivi, di una serie di informazioni e consigli che, vi garantisco, vi torneranno utili.

Sono già tre anni che ho adottato, grazie soprattutto all’aiuto del mio collega Salvo, il sistema operativo GNU-LINUX e non esito ad affermare l’efficacia dei sistemi operativi “non proprietari” le cui caratteristiche, potenzialità e rendimenti sono spesso maggiori di quelli “storicamente” conosciuti.

Per chi volesse ulteriormente approfondire l’argomento può cklikkare nei seguenti link ed avere una panoramica ancora più chiara di quanto finora esposto.

Tengo infine sottolineare che il seguente materiale mi è stato gentilmente e “tempestivamente” offerto dallo stesso autore del sito.

Un grazie ad Antonio e alla sua cortese disponibilità.

27 validi motivi per innamorarsi di Linux

Ubuntu – Manuale gratuito

Ne vale la pena!

Per gentile concessione del mio amico e collega Salvo Lizzio pubblico una storia sulla disabilità e sulla solidarietà; la stessa, quest’ultima, da Lui dimostrata e da tutti i colleghi che mi circondano, attraverso l’espletamento della loro attività educativa confermata quotidianamente nel nostro posto di lavoro!

Frutto della Sua sensibilità, è stato quest’invio di divulgazione solidale che mi ha visto in veste di ricevente; colgo l’occasione fornita dal mio blog per estendere l’opera di diffusione di una storia che merita davvero di essere letta. In questo caso, come avrete modo di appurare con la nota finale, creare una sorta di “Catena di solidarietà” ne vale la pena!

Per chi volesse contattare direttamente il prof. Lizzio, può farlo direttamente accedendo al suo blog anche dal mio link “Blogroll” (sito amico).   

Tu cosa faresti?

Ricordati che TU fai la differenza.  Non cercare mai mezzi termini: non ce ne sono. Leggi in ogni caso. La mia domanda è: tu avresti fatto la stessa scelta che ho fatto io? Ad una cena di beneficenza per una scuola che cura bambini con problemi  di apprendimento, il padre di uno degli studenti fece un discorso che non sarebbe mai più stato dimenticato da nessuno dei presenti. Dopo aver lodato la scuola ed il suo eccellente staff, egli pose una domanda: ‘Quando non viene raggiunta da interferenze esterne, la natura fa il suo lavoro con perfezione.  Purtroppo mio figlio Shay non può imparare le cose nel modo in cui lo fanno gli altri  bambini. Non può comprendere profondamente le cose come gli altri. Dov’è il naturale ordine delle cose quando si tratta di mio figlio? ‘ Il pubblico alla domanda si fece silenzioso. Il padre continuò: ‘Penso che quando viene al mondo un bambino come Shay, handicappato  fisicamente e mentalmente, si presenta la grande opportunità di realizzare la natura umana e avviene nel modo in cui le altre persone trattano quel bambino’ A quel  punto cominciò a narrare una storia: Shay e suo padre passeggiavano nei pressi di un parco dove Shay sapeva che c’erano bambini che  giocavano a baseball. Shay chiese: ‘Pensi che quei ragazzi mi faranno giocare? ‘ Il padre di Shay sapeva che la maggior parte di loro non avrebbe voluto in squadra un giocatore come Shay, ma sapeva anche che se gli fosse stato permesso di giocare, questo avrebbe dato a suo figlio la speranza di poter essere accettato dagli altri a discapito del suo handicap, cosa di cui  Shay aveva immensamente bisogno.

Continua a leggere

Piccoli grandi gesti!

Noi doniamo                                                                                      

I gesti di solidarietà non dovrebbero mai essere pubblicizzati, ne sono convinto!Questo articolo, infatti non intende convincere nessuno su una scelta che deve necessariamente provenire dal cuore e nel modo più spontaneo possibile! Vorrei solo raccontarvi brevemente la mia ultima esperienza da donatore di sangue, avvenuta Domenica  8 Dicembre.

Scoprire nel corso degli anni una crescita, lenta ma continua, di donatori, mi ha piacevolmente impressionato perché questa piccola comunità, che scopri esistere solo in poche e rare occasioni durante l’anno, è costituita da persone umili e accomunate dallo stesso solidale intento. Puoi trovare  persone che non hai mai visto ma che abitano vicino a te, persone magari che hai incontrato centinaia di volte ma con le quali troverai solo lì l’occasione di scambiare quattro chiacchiere, e puoi anche trovare inaspettatamente un tuo collega di lavoro col quale condividere questa esperienza.

Le scorte di sangue negli ospedali sono sempre più richieste (per trasfusioni in caso di incidente o per i malati di talassemia); personalmente non credo in una campagna pubblicitaria volta favorire tale gesto che implichi l’allettante “scambio di gadget” ( penne, calendarietti, portachiavi, diari…); ahimè! Anche questo è presente, anche in forma selvaggia ( c’è chi ne fa una scorta spropositata, soprattutto a fine anno). Credo invece fortemente nell’auto-responsabilizzazione dell’individuo, per un gesto che dovrebbe essere sempre altruistico e disinteressato.

  • Calendario

    • agosto: 2017
      L M M G V S D
      « Dic    
       123456
      78910111213
      14151617181920
      21222324252627
      28293031  
  • Cerca